Toro o orso? Ai professionisti non importa! Ecco 3 strategie che ogni trader dovrebbe conoscere

Ecco 3 strategie che i trader professionisti utilizzano per produrre profitti indipendentemente dalla direzione del mercato.

I nuovi investitori potrebbero pensare che i trader professionisti passino la maggior parte del loro tempo a fissare gli schermi giorno e notte per analizzare i mercati e scegliere le migliori operazioni, ma questo non potrebbe essere più lontano dalla verità.

Avere un buon occhio non è ciò che differenzia i top trader dalla media, è l’applicazione di strategie collaudate che danno ai trader professionisti la possibilità di rimanere positivi per lunghi periodi di tempo. Oggi parleremo di come i futures portano il commercio, il tasso di finanziamento e l’uso dei trailing stop sono utilizzati dai top trader.

Ognuna di queste semplici strategie non prevede l’utilizzo di bot di trading proprietari o un sostanziale deposito di margine, il che significa che un investitore non ha bisogno di un massiccio saldo di trading per generare profitti.

Strategie non direzionali

I mercati cripto sono noti per la loro azione dei prezzi delle seghe a frusta, che comporta l’aumento o la diminuzione di molti beni da due a tre cifre in un periodo da 1 ora a 24 ore. Gli investitori sono attratti dalla possibilità di catturare rendimenti stellari, quindi potrebbe sembrare folle suggerire di cercare un guadagno mensile del 2% sulle valute criptate.

Perché un investitore dovrebbe impegnarsi in una strategia a „basso rendimento“? La risposta è l’interesse composto. Se un trader può raggiungere il 2% al mese, il suo guadagno annuale è pari al 27%. Pochi trader sarebbero in grado di eguagliare questo rendimento in modo coerente cercando di indovinare i massimi e i minimi del mercato. Quindi, avere guadagni più affidabili allevia lo stress di potenziali perdite e il compito quasi impossibile di cercare di cronometrare il mercato.

Una grande strategia chiamata carry trade consiste nell’acquistare una criptovaluta sui mercati tradizionali e vendere i suoi futures con calendario a mesi fissi. Questo tasso può essere misurato analizzando l’indicatore di base, un metrico chiamato anche premio annualizzato dei mercati dei futures. Non si tratta di un trade permanente in quanto l’indicatore di base oscilla a seconda di come sono gli investitori rialzisti. Di solito, c’è un’opportunità più forte in altcoins in quanto c’è meno concorrenza per questi.

Guardando il grafico qui sopra, prendete nota di come la base di Ether (ETH) ha toccato il livello annualizzato del 20% a metà agosto. Ma c’è una fregatura. Il diavolo sta sempre nei dettagli, e questo è uno di quei casi. Questo scambio funzionerà solo se la cripto-valuta depositata come margine è la stessa che viene messa in cortocircuito tramite i futures. Alcune borse di derivati vi permetteranno di depositare Crypto Trader o Tether (USDT) solo come garanzia.

Una cosa importante che gli investitori devono ricordare è che, a differenza dei futures perpetui (inverse swaps), i contratti futures a calendario fisso hanno una data di scadenza fissa. Pertanto, è necessario vendere la posizione spot al momento della liquidazione del contratto future.

Negoziare il tasso di finanziamento

Altre operazioni non direzionali comprendono le strategie di opzioni che di solito comportano molteplici scadenze e contratti a termine.

Un esempio, che è meno rischioso, è quello di sfruttare e negoziare il tasso di finanziamento. I contratti a tempo indeterminato (inverse swaps) addebiteranno sia i long che i short, a seconda dello squilibrio della leva finanziaria. Queste borse informano una stima per la prossima finestra di finanziamento, di solito ogni 8 ore.

Quando questo tasso sale, i trader professionisti accorciano i contratti futures e contemporaneamente li acquistano sulle borse a pronti. In questo modo, il loro rischio è completamente coperto, raccogliendo il tasso di finanziamento e invertendo l’operazione subito dopo.

Il trading automatizzato equivale al successo

A volte, nel mercato non ci sono molte strategie di trading avverse al rischio disponibili. In situazioni come queste, anche i trader professionisti potrebbero prendere in considerazione l’assunzione di un rischio direzionale. Ciò che li distingue dai trader principianti è l’uso del trading automatizzato.

La maggior parte dei trader sa come utilizzare lo stop-loss, il che è una buona cosa, ma non è questo che crea opportunità vincenti. Lo stesso strumento può essere utilizzato per avviare operazioni di trading, specialmente se si utilizza un trailing stop.

Nell’esempio sopra riportato, questo trailing stop buy (long) ha un prezzo di attivazione di 12.900 dollari. Quindi, mentre il mercato rimane attivo al di sopra di tale livello, questo ordine rimane dormiente. Una volta che Bitcoin raggiunge quel livello, acquisterà solo dopo un rimbalzo dello 0,8% (tasso di callback). Quindi, acquisterà automaticamente non appena il Bitcoin salirà di $103 dai suoi minimi.

Questa strategia è una strategia che viene spesso utilizzata dai trader professionisti per automatizzare il loro processo di investimento e riduce significativamente la necessità di controllare i prezzi 24 ore al giorno.

Esercitatevi e padroneggiate queste tre strategie: i futures portano il commercio, approfittando del tasso di finanziamento, e acquistando utilizzando i trailing stop. Concentratevi sull’apprendimento delle strategie di trading non direzionale e delle opzioni e liberatevi dall’indovinare i massimi e i minimi del mercato.

Beliebte Beiträge